Ma perchè web agency?

Leggendo la riflessione di alberto sul rapporto tra Web Agency e committenza, che in buona parte condivido, mi sono messo a pensare su come però la realtà non sia fatta semplicemente di aziende che fanno web o fanno grafica o fanno comunicazione ma principalmente di aziende che fanno software.

Il web è principalmente software inteso come ramo complesso fatto anchesso di prodotti, comunicazione, design, innovazione, ecc.. dunque pensavo che una realtà che spesso viene dimenticata o poco considerata da chi fa web è quella di tutti gli applicativi che sono basati su tecnologie web e che oggi probabilmente fanno il grosso del fatturato dell’intero mercato (nella mia realtà di progettazione con la SketchIn è così).

In questa altra realtà i temi caldi tra il cliente e il fornitore sono spesso altri. Temi più legati alla gestione dei requisiti, all’efficienza e all’efficacia in uso, al mantenimento del progetto, alla sua evoluzione, ecc.. è dunque per questo che condivido in parte la riflessione di di Alberto a cui ha questo punto rilancio la palla per conoscere una sua opinione :)

  1. Alberto Mucignat

    anch’io credo che in questo momento il software faccia il grosso del fatturato, ma semplicemente perchè le aziende riescono a dare un valore solo a qualcosa che possono toccare e vedere.

    però stiamo andando verso un mercato dove sempre di più verrà premiata la capacità di mettere assieme tecnologia e comunicazione. la capacità di “saper gestire e comunicare”, invece di “saper produrre”.

    ora, la riflessione chiave è un’altra. oggi i clienti in italia sono in mano alle aziende che fino a ieri facevano software aziendali. cosa accadrà domani? :-)

  2. Emanuele

    A mio parere verrà premiata ancora di più la capacità di mettere insieme tecnologia e marketing.
    Domani i clienti saranno di chi ha tale capacità.

  3. Luca Mascaro

    Forse mi sono espresso male nelle mie intenzioni, quello che volevo fare emergere è che una buona parte del mercato non è fatto dal web “pubblico” ma da un web “nascosto” che non ha oggi esigenze di comunicare ne di saper gerstire, ma ha fortissime esigenze di saper produrre.

    Le web agency non sono adatte a fare software (giustamente) ma anche le software house non hanno una sufficiente conoscenza del mezzo con il risultato che oggi secondo gartner il 90% dei progetti software web riscontra ritardi fino al 170% sul pianificato.

    C’è un secondo web che in pochi conoscono e su cui non vi è una grande trasposizione di competenze con il risultato soppraccitato… dunque li ci si trova con clienti spizzati dai ritardi e dai costi dunque la mia domanda è: non è li che oggi è più urgente intervenire per portare competenza?

  4. Emanuele

    P come product appunto.
    Saper produrre fa parte del marketing.
    Nei tempi e nei budget.
    I costi di prodotto riducono i margini su quel prodotto.
    La tecnologia non può esimersi dal rispetto di queste regole base (di marketing).

  5. daniele galiffa

    Un altro aspetto, a mio avviso, è che sempre di più il valore per cui i clienti saranno disposti ad investire sarà quello generato dall’uso di ” digital knowledge platforms”, cioè l’insieme dei processi che rende efficace l’erogazione e la fruizione di tutte le informazioni vicine al core business del cliente.
    Insomma…dal software ci sposteremo al contenuto e alla usabilità dello stesso ( in termini non solo di interfaccia fisica, ma spt di interfaccia cognitiva ).